NON SONO UNA TESTATA GIORNALISTICA  SONO  LIBERO di ESSERE LIBERO”

     

 

Argomenti trattati nella Prima Pagina di Giugno 2017     

Mercogliano Montevergine

Vince Gennaro Varrella,  prima donna Concetta Franzese

Podismoincampania 26giu.17

 

Marcogliano AV 24giu.17 

La Marcialonga in Salita Mercogliano Montevergine il podismo che unisce fede e sport, ancora una volta è riuscita a creare a una gara podistica emozionante dove il sacrificio e lo sforzo fisico si uniscono alla devozione per Mamma Schiavona. L’appuntamento annuale entrato nella storia delle manifestazioni sportive con il 2017 ha compiuto vent’anni. Il consolidato appuntamento dalla sua prima edizione è organizzato dalla Pro Loco di Mercogliano con la collaborazione tecnica della Montemiletto Team Runners. I 16 km con partenza dal Viale Modestino al Santuario di Montevergine sono stati percorsi da oltre 500 atleti a vincere su tutti il sannita Gennaro Varrella con il tempo finale 1h06’27”. Completano il podio maschile Mario Maresca e Adolfo Squitieri. La gara al femminile registra una larga partecipazione a vincerla è stata Concetta Franzese in 62° posizione e con il tempo di 1h24’54. Secondo e terzo posto per Annamaria Caso e Lucia Avolio. 

 

Le mie riflessioni sulla Coppa Cristofaro

Podismoincampania.it 26giu.17

Giunta alla sua Nona edizione la Coppa Cristofaro è divenuta negli anni una Kermesse straordinaria ed immancabile dell’estate podistica. La competizione è dedicata a Cristofaro Veneruso un giovane Vollese appassionato di atletica leggera. L’organizzazione ancora una volta ha superato se stessa, Peppe Sacco, Pino Veneruso hanno ospitato nella struttura del campo San Michele oltre 200 atleti che suddivisi in 24 squadre hanno gareggiato sulla 2000 metri, la staffetta 1200 e l’ormai storica competizione “Americana” con eliminazione a giro. Quest’ultima vinta da Marco Piccolo, un’autentica perla dell’atletica leggera campana. Ma le emozioni non sono finite qui, io quest’anno l’ho vissuta non da atleta bensì da giudice di gara, e mi ha colpito molto vedere la presenza di tanti amici che ormai da più di vent’anni corrono nelle strade Campane ed animano questo sport, a cominciare da Giuseppe D’Aponte, Silvio Scotti Pagliara, e gli amici dell’Atletica Afragola. Senza dimenticare le competizioni mattutine dedicati ai giovani cadetti. Ovviamente la serata è terminata con la luculliana cena  offerta dalla famiglia Veneruso. Credo si possa solo concludere dicendo grazie a Pino Veneruso, Peppe Sacco, ed i tanti volontari che ci hanno regalato una giornata di sport autentico. Appuntamento l’anno venturo

 Di: Cristian Avino

 

Montevergine

Marcialonga in salita, pellegrini dello Sport.

Se è vero, e lo è, che ogni gara è una storia sé, è altrettanto vero che ogni sport, sia a livello agonistico che amatoriale, è segnato da sfide che ne fanno la storia. Per quanto concerne il podismo, alias running, in Italia ci sono diverse gare che ricoprono tale ruolo, sia per la complessità del percorso, sia per  la lunghezza del chilometraggio, unitamente alla bellezza dello scenario in cui sono ambientate: la 100 chilometri del passatore, sogno e incubo di ogni runner; la Pistoia- Abetone; la Cortina- Dobbiaco; la Strasimeno, l’ultramaratona del lago Trasimeno; la Sei ore dei  Templari, per citarne alcune. Per quanto concerne la Campania, tra le più famose  la Coastto Coast (Sorrento-Positano-Sorrento) che quest’anno, oltre alle classiche maratona e mezza maratona, avrà anche l’ultramaratona di 59 km; la 25 km di Maddaloni - maratonina della mela annurca - con passaggio nel centro storico di Sant’agata dei Goti e suggestivo attraversamento sui ponti della valle al suono dell’inno di Mameli; la Maree Monti con partenza e arrivo a Sorrento, scollinando su  Massalubrense;  la San Lorenzo di Cava dei Tirreni, la gara più “antica” del circuito campano, giunta alla 56°edizione; la marcialonga in salita Mercogliano-Montevergine, 16 km tutti in ascesa, senza un attimo di respiro,  fino al Santuario di Mamma Schiavona. Gare dal sapore epico, seppure mi rendo conto dell’esagerazione lessicale, perché di notevole complessità tanto che chi decide di parteciparvi ammette la propria follia. Personalmente non so se sia follia o cos’altro a spingere un runner  a cimentarsi in simili sfide che, bisogna ammetterlo, pongono a dura prova il fisico e la mente, imponendo degli allenamenti impegnativi e un attento stile di vita, soprattutto a tavola, con il solo obiettivo di arrivare al traguardo senza troppa sofferenza. Almeno per me è così. Del resto chi mi conosce sa che non vivo in maniera ossessiva e ossessionante la passione per la corsa. Per me correre rappresenta prima di tutto un pretesto per stare con gli amici e divertirmi con loro. Il risultato cronometrico non mi ha mai assillato più del dovuto. Seppure quando mi succede di correre una 10 km sotto i 50 minuti o una 21 km sotto l’ora e cinquanta, lo ammetto, mi sento soddisfatto. Ieri si è corsa la ventesima edizione della marcialonga in salita, una gara tremenda a detta di chi l’ha corsa almeno una volta. Sedici chilometri tutti in salita-  in alcuni tratti con il 10% di pendenza, soprattutto negli ultimi tre chilometri. È una gara dall’innegabile fascino mistico anche per chi come si professa non credente o addirittura ateo. Inerpicarsi per sedici chilometri da Mercogliano fin su al monastero di Montevergine si è rivelato uno sforzo al di là dell’immaginabile. Anche perché in molti di noi albergava la speranza che, pur correndo d’estate con questo caldo africano che da settimane sta affliggendo la penisola comportando problemi di siccità,  correre alle quattro del pomeriggio in alta collina avrebbe garantito un minimo di frescura, e dunque di sollievo, rispetto all’afa che si respira al livello del mare. Tale speranza s’è rivelata subito vana non  appena siamo giunti a Mercogliano: i 30° di temperatura esterna indicati dal termometro dell’auto e la sensazione opprimente di umidità che ci ha colti non appena siamo scesi dalla vettura hanno cancellato ogni illusione. In tanti, prima della partenza, ci alternavamo alla fontanina posta in piazza per bagnarci il capo nel tentativo di  trovare un po’ di refrigerio. Quel sollievo che mai ci ha accolti per tutto il percorso. I rifornimenti lungo il percorso sisono tramutati in agognati momenti per concederci  brevi docce per lenire l’arsura e l’afa che perfino nei pochi tratti ombreggiati non ci hanno mai abbandonato. Per quanto mi riguarda penso che definire un calvario la gara di ieri non sia affatto un’esagerazione. Mi si obietterà che me la sono cercata. È vero, me la sono cercata, come tutti gli altri partecipanti. Eppure, quando alla fine ho tagliato il traguardo, la fatica che mi ha accompagnato per tutto il percorso s’è diradata al pensiero che dovevo affrettarmi nel cambiarmi perché, come mi ero ripromesso nei giorni precedenti, prima di andare via, ci tenevo a entrare nel santuario per omaggiare la Madonna. Un pensiero che ho scoperto avevano tanti atleti che erano arrivati fin lassù. Nemmeno per un istante, mentre mi arrampicavo sulla montagna, malgrado fossi preda della sofferenza dovuta al caldo torrido, mi ha sfiorato il pensiero “chi me l’ha fatto fare?”. Ogniqualvolta sentivo le gambe venire meno, istintivamente alzavo lo sguardo al monastero arroccato sulla roccia sporgente, circondato dalla boscaglia. Come se producesse un effetto propellente, quella visione cancellava ogni barlume di spossatezza e scoramento, stimolandomi a proseguire verso la meta. Una volta tagliato il traguardo e cambiatomi, entrando in chiesa mi ha colto un moto di commozione che ho trattenuto a fatica: per un oche si professa non credente, o quanto meno credente a modo suo - “quando gli conviene” direbbe un sacerdote che conosco – è stata certamente una reazione imprevista. Diciamo insolita. Probabilmente dovuta all’accumulo di tensione nervosa e fatica durante la gara che in quel luogo trasudante spiritualità, trovava la propria liberazione. O forse è vero che in ognuno di noi risiede un principio divino che per manifestarsi ha bisogno che l’individuo si trovi in condizioni e situazioni emotive particolari. Quale possa essere stata la ragione di quell’improvviso coinvolgimento spirituale in chiesa, probabilmente non lo saprò mai. Di sicuro la gara di ieri ha dimostrato che davanti alle difficoltà, l’uomo non si fa scrupoli ad affidarsi finanche all’ignoto per superarle.  Fede, superstizione o che?, ieri in prossimità dell’arrivo c’è stato chi ha sentito addirittura il bisogno di levarsi le scarpe e coprire scalzo gli ultimi duecento metri. A costoro va tutto il mio rispetto così come a tutti quelli che ieri hanno partecipato alla “scalata” di Montevergine. Ieri non eravamo atleti bensì pellegrini, seppure in tanti non ne fossero consapevoli!

 Di Vincenzo Giarritiello  

 

Coppa Cristofaro sport e…

A.E.G. riconquista per terza volta la coppa

Podismoincampania.it 25gui.17

Volla 24giu.17

Coppa Cristofaro. Anche questa nona edizione va in archivio con la buona riuscita desiderata dall’organizzazione che si è avvalsa di tanta buona volontà e serietà dello staff e di un gruppo giudici precisi e attenti. Per la terza volta consecutiva la coppa che ritrae il giovane è stata conquistata dall’A.E.G. pubblicità squadra composta da cinque validissimi atleti. Secondi al podio l’I.C. Tende capitanata dal tecnico Luigi Pastore, Terzo gradino per il gruppo La Corsa di Giuseppe Forino. Non meno capaci la Peppe Monaco e Macellerie Veneruso risultate quarta e quinta. Dei ventiquattro Team in gara sette tutte al femminile allenatesi per la conquista del podio rosa conquistato alla fine dalla M.C. Sport Events capitanato da Rosaria Marangio. Secondo e terzo gradino per LA Runner e non Solo diretto da Marilisa Carrano terza la SILMA Atl. Cristofaro. Bello anche ricordare il pomeriggio di sport dove i protagonisti sono stati giovanissimi di ogni età nel programma di Giuseppe D’Aponte “Gioco ma non Gioco". Ha premiare i vincitori due affermati attore Giuseppe Coppola e Anna Cacace vollesi dalla nascita. L’Organizzazione ha dedicato questa nona edizione al bacolese Franco Illiano, Podista, Presidente del Pieffe, giudice Fidal. L’appuntamento per la decima edizione si rinnova per sabato 30 giugno 2018.

 

11° Trofeo Città di Telesia 

Sul palcoscenico internazionale di Telese vince Marco Najibe Salami, primo dei campani Giuseppe Soprano. Al femminile vince la keniana Liavoga

Podismoincampania 19Giug2017

 

Telese BN 18 Giu.2017 

Ore 19:00 il via per la grande festa di sport e del podismo per gli oltre 1700 partecipanti per la undicesima edizione del “Trofeo Città di Telesia” dieci chilometri del panorama internazionale da un lungo elenco di atleti Top capaci di esaltare l’appuntamento della Città e della Running Telese Terme, mentre colorarla in allegria la marea di amatori provenienti da tutta la penisola senza disuguaglianza di appartenenza hanno partecipato nel rinnovato percorso piaciuto alla fine a 360° uguale si può dire dell’organizzazione che non ha fatto una piega. Un Viale Minieri talmente pieno da suscitare l’ammirazione e soddisfazione del primo cittadino Pasquale Carofano sindaco della città telesina. Sotto l’aspetto agonistico la gara ha finalmente visto sventolare sul pennone più altro il nostro tricolore dopo nove edizioni vinte da atleti stranieri con il successo di Marco Najibe Salami il portacolori del C.S. Esercito, l’unica vittoria azzurra risaliva alla prima edizione grazie all’azzurro di Sorrento “Giovanni Ruggiero”. Marco Salami si è preso il lusso di battere il favorito della gara il keniano Paul Kariuki Mwangi, buon terzo il giovane portacolori del Venicemarathon Club “Eyob Faniel Ghebrehiwet”. Gara femminile è stata vinta dalla keniana Lucy Liavoga del gruppo austriaco Run2gether, sulla ucraina Sofiya Yaremchuk e  bolzanina Silvia Weissteiner 

Ordine d’arrivo Uomini: 1° Salami (Ita) 29’20”, 2° Mwangi (Ken) 29’32”, 3° Ghebrehiwet (Ita) 29’35”, 4° L. Dini (Ita) 29’39”, 5° Simukeka (Rwa) 30’21”, 6° Santoro (Ita) 30’32”, 7° Agnello (Ita) 30’35”, 8° Terrasi (Ita) 30’50”, 9° N. Crippa (Ita) 30’59”, 10° Auciello (Ita) 31’14”, Donne: 1^ Liavoga (Ken) 34’20”, 2^ Iranzi (Rwa) 34’30”, 3^ Weissteiner (Ita) 34’43”, 4^ Iranzi (Rwa) 34’48”, 5^ Quaglia (Ita) 35’09”, 6^ Ejjafini (Ita) 35’51”, 7^ Ben Lafkir (Mar) 36’22”, 8^ Bazzoni (Ita) 36’36”, 9^ Pearce (Usa) 37’41”, 10^ Ceglia (Ita) 37’46”.

 

Trofeo Internazionale città di Telese

Presentata l’undicesima edizione

Podismoincampania.it 17Giu.17 di Silvio Scotto Pagliara

Presentata ufficialmente nella Sala Convegni “Mario Liverini” presso l’omonima ditta Mangini Liverini di Telese Terme(Bn) a media, sponsor e autorità civili e militari l’11^ edizione del Trofeo Città di Telesia. Presenti il questore di Benevento dott. Giuseppe Bellasai, il sindaco Pasquale Carofano e l’assessore allo sport Guido Romano del comune di Telese, Ermanno Ruozzi direttore territoriale della BPER l’ente bancario che da due anni affianca l’evento telesino, ma grande attesa e applausi per il presidente della neopromossa Benevento Calcio dott. Oreste Vigorito, inoltre il dott. Alfonso De Nicola medico del Napoli Calcio e il dott. Mario Collarile delegato del Coni. Sala gremita e tanti in piedi ascoltando e i vari saluti e discorsi di ospiti e autorità soprattutto da parte del padrone di casa Dott. Filippo Liverini(nella foto ) e di Tiziano D’Onofrio( nella foto ) presidente dell’ASD Running Telese. Poi vi è stata la presentazione di alcuni dei possibili protagonisti della gara di 10 km che prenderà il via alle ore 19 da Viale Europa e che si concluderà nella adiacente Piazza Minieri con il numero d’iscritti che ha superato le duemila unità. Presenti in sala in preponderanza le donne del settore Top quali: Silvia Weissteiner (Carabinieri Bo), Nadia Ejjafini (C.S.Esercito), Emma Quaglia (Cambiasso Risso Ge) e Lucy Liavoga (Ken), in campo maschile presente uno dei favoriti: Paul Kariuki Mwangi (Ken) e i due siciliani Agnello e Terrasi. Purtroppo arrivano anche due defezioni di rilievo rispetto a quanto precedentemente comunicato, per infortunio dell’ultima ora non ci saranno Elena Romagnolo e Fatna Maraoui, mentre è confermata la lista maschile.

 Di: Silvio Scotto Pagliara  

 

Trofeo Città di Telesia

Otre 2000 al via

Nuovo percorso per questa 11° edizione

Podismoincampania.it 17 Giu.17 di Giuseppe Sacco (Peppe)

Telese (BN) 17 Giu.2017

Stamani alle ore 11:00 nella sala convegni ”Mario Liverini” gremita per l’occasione si è tenuta la presentazione dell’11° Trofeo Città di Telesia. Presenti in sala autorità civili, militare, personaggi del mondo dello sport, della stampa sportiva e presidenti di società di atletica leggera. Alla partenza di quest’undicesima edizione si conteranno oltre 2000 partecipanti e un lungo elenco di atleti Top del panorama internazionale. Tiziano D’Onofrio Presidente del Team organizzativo Running Telese Terme ha svelato il nuovo itinerario del percorso con partenza da Viale Europa. I dieci chilometri in prevalenza ondulato a forma di sette toccheranno posti spettacolari e incantevoli della Città. Il riscontro dei cinquemila metri (metà gara) al passaggio all’interno delle Terme di Telese con registrazione cronometrica. La chicca di questo nuovo tracciato è quella dell’intero giro intorno al lago di Telese. L’arrivo come sempre è posto sul viale Minieri. Eccezionale l’ospitalità ricevuta presso Mangimi Liverini s.p.a. a coordinato la conferenza, un attento Michele Marescalchi mentre a condurla un dinamico, Marco Cascone. Appuntamento per domani alle ore 19:00 per la grande festa di sport e del podismo.

 

“Battipaglia Corre” I° edizione

Vince il mezzofondista Gilio Iannone.

Maryem Lamachi prima delle donne

Podismoincampania.it 12 giu.2017

 

Battipaglia SA 11 Giu.2017

“Battipaglia Corre” kermesse organizzata dalla società Idea Atletica Aurora sulla distanza classica dei dieci chilometri due cinquemila metri ricavati su strade cittadine. Il via per i quattrocento partecipanti è stato dato alle ore 9:00 da Piazza Amendola allestita per l’occasione. La gara veloce ma faticosa
per le elevate temperature e stata vinta dal mezzofondista Gilio Iannone con il tempo finale di 32’09” atleta classe 1985 tesserato per International Scurity Service. Secondo e terzo posto per Alessandro Rescigno e Francesco di Puoto. La gara femminile in tredicesima posizione in assoluta appare il nome della magrebina tesserata per la società Caivano Runners Maryem Lamachi 38’34” il suo tempo finale, concorrono per il podio le due sorelle Palomba Filomena e Francesca. La classifica per società è vinta dall’ Atletica Camaldolese.  I riscontri sull'organizzazione tra gli atleti a fine gara sono stati molto positivi. Una menzione particolare per il direttore tecnico "Ideatletica Aurora" Sergio Mastrangelo e alle numerose attività commerciali battipagliesi che con entusiasmo hanno partecipato arricchendo la premiazione finale, ristoro conclusivo ottimamente riuscito.

 

Podismo nella Città delle Terme

Corsa su strada a Telese domenica 18

Grande attesa per la XI° edizione del “Trofeo Città di Telesia” e per i dieci chilometri di gara internazionale per le strade della Città termale. Del collaudato evento voci ufficiose svelano una partecipazione superiore alla passata edizione ma soltanto nella mattinata di sabato diciassette, saranno svelati alla Città e alla stampa il numero esatto e i nomi degli atleti Top che prenderanno il via nella prima griglia di partenza. Come sempre, a colorare l’appuntamento saranno i tanti podisti amatori pronti a confrontarsi in un percorso omologato e con i tempi degli atleti che appartengono al panorama internazionale. Giusto ricordare che la serata di sport in provincia di Benevento è organizzata dall’Asd Running Telese Terme. La partenza e prevista dal Viale Minieri alle ore 18:00. Le cronache della passata edizione raccontano del successo in assoluto dell’ugandese Robert Chemonges che s’impose in 29’22” mentre quello al femminile Laila Soufyane all'arrivo in 33'40''.

 

Impressioni “Corri Afragola” 7° edizione

Podismoincampania.it 12giu.2017

 

Afragola 11giu.2017

E’ davvero difficile trovare un aggettivo qualificativo che possa descrivere questa competizione Campana unica nel suo genere. Un agglomerato di atleti; 1557 per l’esattezza, con alle spalle un organizzazione impeccabile in ogni aspetto, dalla distribuzione dei pacchi gara al rifornimento all’assegnazione dell’immancabile medaglia che non ha niente da invidiare alle più belle organizzazioni podistiche internazionali. Anche quest’anno il presidente dell’Atletica Afragola Mimmo Errichiello non si è risparmiato ed ha saputo regalarci una giornata di sport autentico. Il caldo come sempre ha fatto da padrone ma la passione dell’organizzatori e dei podisti campani ha vinto su tutto. La Corri Afragola è una competizione dallo scenario nazionale che racchiude in se un connubio esemplare di sport ed attività sociale, perché la corsa è soprattutto questo, cioè un gesto libero che racchiude in se voglia di aggregazione e libertà di espressione. La Corri Afragola ha saputo carpire tutto ciò. Congratulazioni a tutti ed arrivederci l’anno venturo.

  Di: Cristian Avino

 

Marathona di Stoccolma

Podismoincampania.it 12giu.2017

Ero un giovane studente universitario quando ho visitato questa città. Le immagini sono impresse nella mia memoria come ieri, Hagaparken, la sede del Premio Nobel, il primo Word trade center della storia e soprattutto gli occhi scandinavi della popolazione nordica, immagini di un paese che ti entra nell’anima e ne diventa parte integrante di te stesso. Bene rivedere la maratona di Stoccolma dello scorso 03/07/2017 mi riporta a quelle immagini vissute e d’altronde i numeri di questo Kermesse sportiva lo dimostrano. Oltre 11 nazionalità diverse presenti all’appello con circa 12500  partecipanti e l’apparato logistico ineccepibile come nelle migliori tradizioni del nord europa, ma soprattutto il pubblico Svedese che partendo da Kunggatan (la via della Regina) per poi passare nello storico porto di Skepsborn  non si è risparmiato nel sostenere gli atleti provenienti da ogni parte del mondo. Insomma la maratona di Stoccolma è da inserire nell’agenda del podista internazionale come una delle più affascinati e cosmopolitiche al mondo. In merito alla cronaca sportiva  l'etiope Abrha Milaw ha vinto la Maratona con il tempo di 2h11'36", secondo posto per il connazionale Samuel Getachew in 2h12'27" e terza posizione per il keniano, Samuel Kalalei in 2h12'36". Nella gara femminile vittoria per l'etiope Konijt Tilahun in 2h35'45", seconda la connazionale Belayneh Shifera in 2h36'00" e terza la keniana Alice Kibor in 2h36'19

 Di: Cristian Avino

 

Corri Afragola Corri per la Pace

Vincono Santoro e Ben Lafkir

Podismoincampania.it 11Giu2017

Afragola NA 11giu.2017

Anche per questa settima edizione si registra il grande successo di partecipazione per la “Corri Afragola Corri per la Pace” organizzata dalla New Atletica Afragola e vittoria per Dario Santoro seguito da Giuseppe Soprano e Youssef Aich. Tra le donne vittoria per la magrebina Malika Ben Lafkir, seconda e terza Loredana Brusciano e Maria Magdalena Vlad. Una vera festa di sport e di podismo in grado di trasmettere i veri valori dell’amicizia (tranne per pochissimi) e della solidarietà che accomuna la parola Sport. Il cronologico di arrivo dell’organizzazione oltre far sapere i primi arrivati fa notare i nomi dei 1557 arrivati che hanno colorato le vie della città di Afragola.

 

 

Il Trofeo Città di Montefredane

Rispetto della tradizione

Podismoincampania.it 5 giu. 2017

Montefredane AV 4 giu.2017

Trecento e oltre al via di questa settima edizione che ha incoronato uno straordinario Gennaro Varrella che con caparbietà ha bloccato il cronometro a 37’23”. Al femminile Filomena Palomba in trentaseiesima posizione assoluta mette a segno la vittoria femminile con il tempo finale di 44’03”. A vincerlo il Trofeo a squadre il team Polisportiva Camaldolese. La manifestazione consolidatasi di volta in volta è del team Run For Life diretto da Jean D’Argenio e Carmine Marrone ha mantenuto il rispetto della tradizione, dove tutti i partecipanti sono stati ospiti graditi. Il percorso rivisitato composto di due giri di 5000 metri ha dato il risultato sperato classificando nel cronologici di arrivo ben 320 arrivati. Completano il podio maschile Marco Landi e Rozza Carmine quello femminile da Anna D’Avino e Loredana Lamberti.

 

 

Corri Villammare 6°edizione

Podismoincampania.it

 

Villammare SA 3 Giu. 2017

Giorgio Mario Nigro vince per la terza volte di consecutivo la Corri Villammare, il portacolori dell’Atletica Camaldolese si aggiudica la distaza con il tempo finale di 32’16. Alle sue spalle Kamel Hallag (Ideatletica Aurora Battipaglia), con un distacco di 2’04”, ed il compagno di squadra Marco Landi a 2’21”. La vittoria femminile registra Daniela Capo (Agropoli Running) in 42’07”. Dietro di lei Rosanna Pacella (Isaura Valle dell’Irno) Terzo posto per Marzia Croccia

 

 

CAIVANO: II° “Trofeo Mondial Service”

Vittoria in assoluto per Stefano La Rosa

Primo dei campani un agguerrito Giuseppe Soprano

Podismoincampania.it 3 Giu.2017

Caivano NA 2 giugno 2017

Sabato 3 giugno serata di sport a Caivano con il II° “Trofeo Mondial Service” a firma di un dinamico Luigi Celiento, di uno staff impeccabile e di una città partecipe. L’appuntamento nazionale con la sua gara di dieci chilometri ha preso il via alle 19:00 dalla Villa Comunale, nella rosa degli ottocento partecipanti in prima linea atleti del fondo e mezzo fondo del panorama nazionale e internazionale. A creare armonia e colorare il percorso i tanti amatori graditi ospiti della Città e della Caivano Runners. Giusto anche segnalare la larga superiorità di partecipazione di podisti E.p.S. iscrittosi per società di appartenenza ma diventati NN per la regola di “decoro o convenienza” applicata dalla Fidal capostipite di tanta altre scelleratezza in materia di tanta antisportività. Ritornando a parlare della qualità dei Top in gara basta leggere i nomi saliti sui due podi e i restanti nell’ordine di arrivo visibile in Gare Podistiche.it. La qualità della serata è iniziata con un’anteprima promozionale giovanile confrontatosi in varie prove di corsa valide per l’assegnazione della “Coppa Quadrifoglio” junior. I dieci i chilometri del tracciato sono stati vinti dal carabiniere sez. atletica Stefano La Rosa con il tempo finale di 30’37”. Secondo all’arrivo l’atleta dell’esercito Najibe Marco Salami con 30’39”. Terzo gradino del podio Vincenzo Agnello 30’04 Atl. Casone Noceto. In settima posizione si legge il nome del primo campano al traguardo beniamino della Caivano Runners Giuseppe Soprano con il suo tempo reale di 32’02. La gara femminile classifica novantotto donne, la vittoria su tutte e dell’Atleta dell’Esercito Nadia Ejjafini che chiude in ventesima posizione assoluta con il tempo di 35’30”. Secondo gradino per Meryem Lamachi con 35’36” altra beniamina di casa. Terzo gradino rosa per Malika Ben Lafakir con 36’48” della Società NN perché E.p.S. Prima atleta campana Loredana Brusciano con 39’02”.

 

 

Corri per la Repubblica

Antonio Farina è il vincitore della XIII° edizione

Podismoincampania 3 giugno 2017

Capua CE 2 Giugno 2017

Pieno successo per la “Corri per la “Repubblica” giunta alla sua tredicesima edizione che venerdì mattina 2 giugno ha visto gli oltre quattrocento partecipanti. Antonio Farina (International Security Service) con il tempo finale di 34’21” vince la distanza di dieci chilometri davanti Domenico Mellucci e Sebastiano Afeltra. La gara femminile Anna Bornaschella (Atl. Venafro) con 41’43” si conquista il podio femminile, secondo e terzo gradino per Cathy Barbato e Ela Stabile. Padron dell’appuntamento la società podistica Atletica Capua, classifica e tempi a cura di Cronometrogara.it di Roberto Torisco

 

Il podismo e la corsa su strada è tornata

in Contrada Guadagni

 

Pomigliano D’Arco 02 Giu. 2017

A contrata Guadagni termina con il successo annunciato la quarta edizione del “ Trofeo Podistico Contrada Guadagni”, dieci chilometri per le vie della frazione tra il Comune di Sant’Anastasia e quello di Pomigliano D’arco. La mattinata di “Podismo Insieme” promossa dall’Associazione Culturale “La Rinascita” ha ricevuto i consensi per diventare un valido appuntamento del calendario 2018 dell’Opes Italia. Sotto l’arco di partenza oltre i quattrocentocinquanta podisti arrivati da più parti della regione per l’appuntamento dalla capacità di far vivere una piacevole la mattinata sport per tutto ciò che ha offerto. La vittoria in assoluto registra il magrebino Tarik Marhnaoui con il tempo finale di 32’26” (Enterprise Sport Service). La gara femminile è dominata dal master quarantacinque Loredana Brusciano che chiude la distanza con il tempo di 39’14”. La larga premiazione ha soddisfatto tutti maggiormente le donne per il gradito omaggio fatto con una vellutata rosa rossa in segno di stima e amicizia che rilancia l'appuntamento al prossimo anno con la quinta edizione tutta rivisitata pronta a offrire maggiori servizi e spazi.  Il trofeo podistico 2017 è conquistato dalla società Pomigliano Marathon

 

 

        ___________________________________________________________________________________________

Podismoincampania.it non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Giuseppe Sacco autore del portale non e' responsabile dei siti collegati tramite links ne' del loro contenuto, anche fotografico, che può essere anche soggetto a variazioni nel tempo da parte dell'editore originario. Testi, immagini e filmati a corredo dei post sono pubblicati con finalità esclusivamente informative. Podismoincampania.it non vuole in alcun modo ledere il copyright né qualsiasi altro diritto, pertanto, qualora i titolari di tali diritti fossero contrari alla pubblicazione dei suddetti contenuti testuali e fotografici, chiede di segnalarlo ai fini d’una rapida rimozione degli stessi. Inoltre rende noto che non prende compensi per ogni forma di promozione.

Email di corrispondenza: info@podismoincampania.it