foto LOCANDINA LOGO PODISMO

  LIBERO di ESSERE LIBERO”

  Facebook-big-blue  image013    

 

ARGOMENTI di Giugno  in   Facebook-big-blue  download (1)

 

PRIMA PAGINA di Peppe Sacco  MAGGIO 2018

In questa prima pagina:

Argomenti - Racconti - Fotografie – Filmati pubblicati in Facebook       

 

XXXVII Strabenevento

Ancora una volta grande spettacolo

Benevento 1° Maggio

Nel cuore del capoluogo sannita con la “Strabenevento” si è rinnovato l’appuntamento podistico organizzato dalla società Amatori Podismo Benevento, manifestazione giunta alla 27esima edizione, il programma comprendeva una gara competitiva da 10 km e la stracittadina da 1 km e 3 km. La gara competitiva con la classica distanza di 10 Km ancora una volta ha dato grande spettacolo, Circa 500 gli atleti al traguardo in rappresentanza di sessantatré società. Il podio maschile registra tre atleti del Marocco tesserati in Italia, la vittoria in assoluto è stata di Hicham Boufars con il tempo finale di 30’31” seguono Hajii Jebly (31’10”) e Youssef Aich (31’46”). Ancora Marocco anche per la gara femminile dominata da Asmae Chizlane con il tempo di 37’30”. Marina Lombardi e Ilaria Novelli conquistano il secondo e terzo posto. Buona la prova del beniamino di casa Antonello Sateriale giunto in settima posizione assoluta con il tempo di 33’36”. Il presidente Pasquale Della Torca rilancia l’appuntamento per il prossimo anno. 

===============================================

10miglia Normanna lì per lì un successo.

Nella prima pagina dell’albo d’Oro Lakriti e Razzano

 

Aversa Ce 1 Maggio 2018

Successo organizzativo per la Podistica Normanna alla prima della “10miglia Normanna”. Al via ben 800 podisti incitati dai tanti spettatori sparsi per le vie di Aversa e di Lusciano. Il Sindaco, Domenico De Cristofaro ha dato il via alla corsa alle ore 8:30, dopo che Sua Eccellenza Mons. Angelo Spinillo ha tenuto a raccolta gli atleti impartendogli la benedizione. L’appuntamento di Giovanni Belluomo con egida Opes Italia per tutta la sua durata ha mantenuto il programma redatto “se non meglio” di quando era stato scritto e detto alla vigilia. Il Parco Pozzi allestito per l’occasione come villaggio atleti e zona ristoro hanno fatto eco soltanto parole di elogio verso i responsabili del coordinamento e all’indirizzo delle due cittadine quella di Aversa e di Lusciano. La distanza dei Dieci Miglia composta su due giri uguali e stata raggiunta dopo 55’35” dal magrebino Aziz Lakriti, Aziz Veste i colori dell’International Security S. Secondo piazzamento per Abdelkebir Lamachi stessa società, terzo Vincenzo Falco “Caivano Runners. La gara femminile la vittoria vesta i colori della Caivano Runners con Grazia Razzano con il tempo finale 1h04’57. secondo e terzo posto per Ela Stabile “ Napoli Run” ed Eleonora Maria Mennillo “Caivano Runners”. Ordine di arrivo e tempi a cura di Cronometro gara, Hanno commentato la manifestazione Gennaro Varrella e Anna Narciso.

foto: I due protagonisti

 

  filmato e foto                 

 

 =========================================

   

     Quotidiano ROMA del 1° Maggio 2018

 

   ========================================

           Quotidiano ROMA del 5maggio18               Quotidiano ROMA del 6maggio18

 

================================

 

 Trofeo Mondial Service”

Bello, avvincente, ricco e colorato

 

Caivano NA 5maggio18

Festa come succede nei grandi appuntamenti di podismo per il “Trofeo Mondial Servige e nelle strade di Caivano, cittadina in provincia di Napoli. I dieci chilometri hanno convalidato il numero annunciato dei 1500 atleti di cui 226 donne in rappresentanza di 131 società. In linea di partenza, (ore 18:00) si sono notati atleti dell’Atletica nazionale e internazionale e le tante maglie colorate indossate dai podisti amatori pronti dopo il via a festeggiare la terza edizione ritornata evento di tutti, grazie al programma voluto e redatto del presidente Luigi Celiento. La distanza di gara è stata conquistata dopo 30’30” di corsa, ha spezzare l’invisibile filo di lana, l’atleta Jean Marie Vian Niyomukiza tesserato per il sodalizio giallo blu del Team organizzatore “Caivano Runners”. Hanane Janat atleta che indossa i colori della “Podistica il Laghetto” con il tempo di 35’47” in 26° posizione ha vinto la gara femminile. I due protagonisti con la vittoria conseguita vanno ad aggiungersi al notevole Albo’ d’Oro della manifestazione. Per il secondo e terzo posto maschile si registrano nell’ordine di arrivo i nomi di Najbe Marco Salami “G.S. Esercito” e Stefano La Rosa “G.S. Carabinieri” mentre per le donne Malika Ben Lafakir e Silvia La Barbera entrambe della “Caivano Runners. La gara sì e svolta con egida della Fidal. Segreteria, ordine di arrivo e tempi a cura di GarePodistiche di Pasquale Pizzano.

 

                 

  ================================================

 

18° Trofeo Città di Maddaloni

Vincono Hadam e Amodio

Maddaloni CE 6 maggio 2018

Gara sulla distanza dei 10 km, organizzata dagli Amici del Podismo Maddaloni con egida Opes Italia ha registrato la vittoria tra gli uomini di Marek Hadam “Podistica il Laghetto” (foto) con il tempo finale di 33’49” atleta ucraino è tesserato per la “Podistica il Laghetto”. Scalino più alto del podio rosa per Martina Amodio G.S. Stufe di Nerone 42'26'' il tempo finale, la vittoria per società, vede nuovamente al primo posto la Road Runners Maddaloni. La mattinata di Sport intrinseca di sorrisi e colori ha fatto subito presagire il “Podismo Insieme” con la capacità di creare il clima di festa per tutti e non quello attaccaticcio come spesso accade tra i partecipanti. Anche questa diciottesima edizione ha ottenuto il consolidato successo desiderato di qualità e di partecipazione con la sola differenza dell’assenza di atleti magrebini già registrata nella passata edizione, l’assenza ha registrato podio e tempi cronometrici di uguale interesse. Completano il podio maschile Vincenzo Migliaccio e Enrico Signorelli. Settantasette le donne in gara su un totale di 626 arrivati. Seconda e terza posizione per il podio femminile lo conquistano Ela Stabile e Annalisa Guida.

 

              

=============================

Vesuvio Ski Marathon 2018

Tra le bellezze del Vulcano Vesuvio

Ottaviano Na Domenica 6 maggio

Circa 400 atleti al via, con partenza dal Palazzo Mediceo di Ottaviano per le due gare: la Sky Marathon di 42 Km con dislivello positivo di 2600m  e la 21 km. con dislivello positivo di 1130 m . L'organizzazione col patrocinio del Comune di Ottaviano e dell’ l'Ente Parco Nazionale del Vesuvio  è stata curata dell'A.S.D. VesuvioSkymarathon. Gli atleti hanno gareggiato in semi autosufficienza idrica e alimentare tra le meraviglie e le bellezze del vulcano Vesuvio bellezza che ha ispirato artisti di tutto il mondo che sovrasta il golfo di Napoli simbolo dell'energia e del calore degli abitanti alle sue pendici e del popolo Napoletano. Il vincitore della distanza dei 42 km, Fulvio Dapit, che ha chiuso, con il tempo finale in 4h10'38'', secondo Giovanni Ruocco, tempo di 4h11'38'', terzo Mario Maresca in 4h13'13''. Per le donne  la prima a chiudere la distanza è stata Silvia Rampazzo, con l’ottimo tempo di 4h27'36'' Seguono per il podio rosa Elisabetta Aghiana e Tamara Ferrante con i seguenti tempi 5h19'16'' e 5h42'31. Per questa frazione,si è registrato l'arrivo di 113 atleti, di cui 10 donne. La distanza dei 21 km, successo dello scozzese Kenneth Ross ,in 1h34'20'', davanti all'inglese Ben Mounsey con 1h36'36''e per la terza piazza del podio ,vede salire l'italiano Gabriele Bacchion, con 1h36'52''. In rosa ,vince Sophie Andrey ,tempo finale 1.59.02'' , seconda e terza , Tina Sbrissa e Rossella Cerrettani, con i seguenti tempi di 2h10'28 e 2h11'54''. Per la 21 km ,sono arrivati al traguardo 243 atleti e 56 sono donne

 

 

 Pagani per lo Sport

La distanza viene raggiunta in 30’54”

Pagani SA 6 maggio18

Con il Patrocino del comune di Pagani e del C.S.I. la Polisportiva Folgore, in sinergia con le Associazioni di Pagani, ha organizzato domenica 6 maggio la gara podistica sulla distanza di dieci chilometri denominata “Pagani per lo Sport” L’atleta magrebino Aziz Lakriti è stato il primo in assoluto dgli otre trecento partecipanti a raggiungere il traguardo di questa quarta edizione  con il tempo finale di 30’54” registrando il miglior tempo della manifestazione  La gara femminile registra la vittoria sempre Marocco di Hanane Ianat.

Podio Maschile:

1 LAKRITI AZIZ -      INTERNATIONAL SECURITY SERVICE   30’542

2 BOUFARS HICHAM INTERNATIONAL SECURITY SERVICE  31’12”

3 LAMACHI ABDELKEBIR INTERNATIONAL SECURITY SERVICE 31’13”

Podio Femminile:

1 JANAT HANANE PODISTICA IL LAGHETTO 39’40”

2 LAMBERTI LOREDANA  ANTONIANA ERMES 40’39”

3 VANACORE ANNAMARIA ATLETICA SCAFATI 41’33”

 

“Fragola Run” nona edizione

Parete Ce 6maggio18

Puntuale anche quest’anno è tornata la gara podistica “Fragola Run”, giunta alla sua XI edizione. L’appuntamento dell’a.s.d Pro Loco Parete capitanata dal presidente Michele Chianese inserito nel calendario regionale FIDAL ha registrato la partecipazione di circa 400 atleti. I dieci chilometri di gara sono stati espugnati dall’atleta marocchino che veste la maglia della società campana International Security S. Hajjaj El Jebli tempo finale 31’43” A seguire per la formazione del podio Gennaro Ciambriello e Tammaro di Tella. Alessandra Ambrosio “Amat. Atletica Napoli” con il tempo finale di 41’37” conquista il podio femminile secondo e terzo gradino per Giuseppina La Mula e Ilenia Nicchiniello. Ordine di arrivo e tempi a cura di Cronometrogara.it di Roberto Torisco. 

 

===============================================

“La Corsa del Mito”

Corsa su strada, che unisce agonismo e panorami.

Alloro per Paul Tiongik e Lenah Jerotich

Palinuro Sa 118 maggio

Alla “Corsa del Mito” appuntamento importante del panorama podistico campano settecento atleti hanno corso tra i colori del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano i 15km da Palinuro a Marina di Camerota. L’appuntamento, valido per la seconda tappa del circuito “Cilento di Corsa” è stato organizzato dall’Associazione Tuttinsieme. Questa nona edizione registra la vittoria in assoluto del maratoneta keniano appartenente alla società “G.P. Parco Alpi Apuane” Paul Tiongik (foto repertorio) con il tempo finale di 44’41”59. Sempre Kenia anche il secondo posto con Kimeli Kisorio Hosea “Virtus Lucca” tempo  45’34”20. Al terzo gradino del podio è salito l’atleta del Marocco Hicam Boufaris “International Security S.” La gara femminile è conquistata da Lenah Jerotich “Atletica 2005” la keniota ha chiuso la distanza in 53’40”15. Secondo e terzo posto per Jeruto Lagat Ivyne (Kenia) “Atletic Terni” 55’05”47 Hanane Ianat (Marocco) “Podistica il Laghetto” tempo 55’19”17

 

============================================

   Gara Atellana VIII ediz.

Sceso il sipario su una brillante edizione.

Giuseppe Soprano il mattatore.

 

Orta di Atella (Ce) 13maggio18

La Gara Atellana, i dieci chilometri di podismo insieme dedicata a Salvatore Mozzillo. L’appuntamento organizzato dall’Atletica Atellana anche questa volta come per le passate edizioni cala il sipario mettendo anche questa edizione nella bacheca dei successi. Il tracciato di gara tutto cittadino percorso per ben due volte ha determinato la classica distanza di dieci chilometri. Questa edizione 2018 oltre a essere ricordata per la larga rosa di partecipanti può essere ricordata anche per i servizi offerti classificandola nella lista di manifestazione a misura di tutti. Di quest’ottava edizione l’atleta che ha spezzato il filo di lana al traguardo in Viale Petrarca con il tempo finale di 32’46” Giuseppe Soprano del Team “Caivano Runners” (foto) La gare femminile è terminata con la 97° posizione e con il tempo finale di 40’30” a guadagnarsela l’atleta dell’Arca Atl. Aversa Loredana Brusciano.(foto) Il podio maschile è completato dall’inossidabile Enrico Signorelli “Amatori Vesuvio” terzo gradino per Carlo Marigliano “Atletica Marcianise”. Il podio femminile conta al secondo posto Tina Franzese “Podistica Frattese” e Giuseppina Lamula “Napoli Run” La Podistica Frattese si segna nell’albo d’Oro per società. 

 

              

 

  ====================================

Ritorno al Borgo

Conclusa la seconda edizione

 

Nella giornata di ieri domenica 13 maggio nelle vie dei comuni di Apice e Calvi si è corsa la distanza dei ventuno chilometri su di un suggestivo ed impegnativo tracciato rurale con partenza dal centro del comune di Calvi ed arrivo nel borgo di Apice Vecchia. Alla gara valida per l’assegnazione del titolo italiano US Acli hanno preso parte circa 150 atleti La vittoria in assoluto è stata raggiunta dopo 1h19’43” dall’atleta che veste i colori della “Sannio Runners” Giacomo Perone, mentre per le donne Anna Davino “Am.Podismo Benevento” con il tempo finale di 1h33’30”

 

 =====================================

Caracciolo Gold Run

Alloro per Paul Tiongik e Lenah Jerotich

Napoli 13maggio18

Può essere definita tutta nuova la 18° Caracciolo Gold Run per le tante novità e proposte a partire dal ritorno nella storica Piazza Plebiscito, al nuovo percorso di 15 km che da piazza Plebiscito ha portato gli atleti nel quartiere di e ritorno. Ad imporsi sono stati i kenioti del coach Cravero (già vincitori della “Corsa del Mito” disputatasi nella serata di sabato 12 nel Cilento)Per la categoria maschile il gradino più alto del podio è stato assegnato al Keniano Paul Tiongik che ha tagliato il traguardo in 45 minuti, secondo Kisorio e terzo Kyaka. Per la categoria femminile al primo posto Jerotic, seconda Benlafkir e terza Jeruto Lagat. Generosi come sempre gli atleti campani e la colorata cornice di podisti amatori che hanno dato il tocco alla magica vetrina del podismo e alla Walk of Life.

 

=================================================

“Trofeo Mario Fioretti”

Gilio Iannone vince l’ambito trofeo

  

San Michele Serino Av 13maggio18

In archivio la  XXV edizione con il successo di sempre. 

Una domenica di festa quella vissuta a San Michele di Serino (AV) in occasione del 25°  Trofeo ‘Mario Fioretti’  manifestazione di atletica per tutte le categorie giovanili assoluta e master organizzato dal Centro Sportivo Italiano. La gara podistica curata da Giambattista Audia sulla distanza di dieci chilometri  sviluppata su un anello di 2.500 m. ha dato ragione Gilio Iannone, davanti ad Antonello Landi ed Antonello Barretta. In campo femminile prima Filomena Palomba, che precede la sorella Francesca ed Ester Nazzaro.

 

Chi è MARIA GUIDA?

La signora della Marathona ha conquistato per l'Italia la prima medaglia d'oro della sua storia. Maria: Questo oro mi ripaga di tutto

Campana nata a Vico Equense Na (fraz. Moiano) il 23 gennaio 1966 si è sempre considerata una napoletana verace. E’ in età giovanissima che nasce in lei la sfrenata passione per la corsa e per l’atletica in generale perché né apprezza le gesta dei tre fratelli Giovanni, Raffaele e Luigi, Maria è la quarta della famiglia di papà Raffaele e mamma Filomena.

Debutto sulla distanza della Maratona               

La maratona regina della distanza “42km,195metri Maria Guida la corsa per ben otto volte conquistandosi cinque vittorie. La prima maratona la corre il 25 ottobre del 1992 a Carpi RE piazzandosi in sesta posizione e con il tempo finale di 2h38’13”. (Munerotto Rosanna è la vincitrice per donne di quella quinta edizione, l’atleta italiana di Santa Lucia di Piave chiuse la distanza in2h29’34”.

Anno1998

Il 22 settembre 1998 dopo ben sei anni Maria Guida ritorna alla lunga distanza. Una gara durissima, la “Maratona di Montecarlo” sia per l'altimetria del percorso che si snodava dal Principato a Ventimiglia e ritorno, sia per il vento contrario nella prima parte della gara. In ottava posizione, in solitudine e con qualche problema al tendine d'Achille con forza recupera tempo e posizioni. Passa il traguardo con il tempo di 2h35’47 e si conquista la quinta posizione. Un risultato soddisfacente, un punto di partenza per la sua carriera di maratoneta. (La vittoria femminile se l’aggiudica l'ucraina Jane Salumae  chiuse la distanza in 2h32'56".)

Anno1999 

Busetto 28 febbraio 1999. Salsomaggiore Terme/Busseto II ediz. Maratona dei Luoghi Verdiani con 2h40’21” mette a segno la sua prima vittoria sulla distanza. Si legge in una cronaca di quel risultato< Una Maria Guida destinata a riemergere dopo anni d’innumerevoli problemi fisici, alla ribalta dell'atletica nazionale e internazionale. Per lei Busseto ha rappresentato l'inizio di una marcia trionfale>

Podio femminile 2° edizione

1° - 2:40.21 GUIDA MARIA

2° - 2:48.58 SMIRNOVA LUDMILLA

3° - 2:50.44 CASIRAGHI MONICA

Stesso anno a Torino 2 maggio 1999 “Maratona di Torino” totali arrivati 1725 uomini più 143 donne con il tempo di 2h28’28” la napoletane di Vico Equense tesserata per G.S. Forestale si aggiudica la vittoria femminile della 9° edizione. Si legge nel dettaglio tecnico di una cronaca: 

A livello femminile Maria Guida ha interpretato con consumata intelligenza tattica la prova, lanciata su buoni tempi (17.46 ai cinque e 35.13 ai dieci chilometri), poi caratterizzata dal deciso attacco in salita della russa Razdroguina, cui Maria non ha risposto. Il duello a distanza tra le due atlete è durato fino al trentesimo chilometro con passaggi simili: 52.58 contro 53.08 ai quindici chilometri, 1:10.52 contro 1:11.08 ai venti chilometri, 1:14.49 contro 1:14.59 alla mezza maratona, 1:27.59 contro 1:28.18 ai venticinque chilometri e 1:45.35 contro 1:45.44 ai trenta chilometri. A questo punto, mentre Maria Guida manteneva il ritmo, la russa finiva la benzina e veniva superata nettamente. Per Maria si trattava di una passerella trionfale, capace di condurla al traguardo in un eccellente 2:28.28, migliore prestazione stagionale italiana. Vicina al proprio record anche Gigliola Borghini, che cedeva leggermente nel finale, ma si confermava intorno alle 2:36.

Il Podio

1° - 2:28.28 GUIDA MARIA

2° - 2:32.27 NAGY JUDIT

3° - 2:33.29 RADZDROGUINA ELENA

E ancora: Il 10 ottobre del 1999 approda nuovamente a Carpi per correre la 12° edizione. Al limite delle proprie forze si conquista meritatamente il primo posto con il tempo finale di 2h25’57” con lei sul podio salirono 2° la Keniana Jerotich Jacqueline 2h34’28” 3° l’ungherese Nagy Judith con il crono di 2h35’01” Il tempo di 2h25’57” resta la sua migliore prestazione ed il record della Maratona di Carpi Memorial Enzo Ferrari. Scrivono le cronache:Maria Guida bianco verde della Forestale allieva di Luciano Gigliotti oltre al risultato approfittando del percorso veloce e dell'ottima giornata che ha caratterizzato la "Maratona d'Italia, Memorial Enzo Ferrari", ha cercato la miglior prestazione sulla distanza (2h25’17” di Franca Fiacconi, New York 1998) a fine gara la protagonista dichiara: <Per la prima volta ho conosciuto la crisi del trentottesimo chilometro, ma ho stretto i denti perché dai passaggi capivo di essere alla portata di una grande prestazione. Ho patito il caldo dell'ultima mezzora ed ho probabilmente pagato una partenza troppo veloce sono comunque contentissima>

Anno2000

2000 Londra 16 aprile 2000 “Maratona di Londra” un evento mondiale del panorama dell’atletica (si aggiudica la prova femminile in 2h24’33” la keniana Tegla Loroupe) L’azzurra Maria Guida osservata speciale sulla via di Sydney, corre la distanza sempre nel gruppo di testa piazzandosi settima all' arrivo. con il tempo di 2h26’12.  (Il risultato cronometrico potrebbe anche essere considerato il nuovo primato italiano in gare per sole donne, visto che il 2.25' 19' a New York nel 1998 di Franca Fiacconi  l’ottiene in una gara mista.)

Biglietto per Sidney

I tre successi conseguiti nell’anno 1999 e la buona prova di Londra proiettano di diritto Maria Guida alla 27° Olimpiadi del 2000 che per la seconda volta nella storia si svolge in Australia a Sidney dal 15 settembre al1º ottobre. L’Italia per la maratona femminile consegna i biglietti per Sidney a Maria Guida, Ornella Ferrara e Maura Viceconte.  Considerando le vittorie ottenute, lo stato di forma per Maria è l’occasione di rendere concreto il suo sogno d’atleta “quello di una medaglia ”. Come una vetrina che s’infrange la sfortuna si riaffaccia nuovamente e manda all’aria i mesi d’allenamenti, le vittorie ottenute e il meritato accredito per Sidney. Tutto accade durante un allenamento di rifinitura con un dolore alla tibia causato da una, migra frattura da stress, un infortunio che spazza via il suo sogno lasciandogli dentro rabbia e sconforto e la decisione di smettere con l’atletica per sempre. Ma il carattere di donna del Sud impastato d’acqua, terra, fuoco e vento, sapori e umori prendono il sopravvento ricaricandola di energia. “ Mai Mollare

Maura Viceconte si classifica 12° con il tempo di 02h29:26 mentre Ornella Ferrara 18° tempo finale 02h31:32

Anno2001

(Il 2001 è l’anno dei Campionati del mondo d’atletica leggera Stadium d’Edmonton, in Canada dal 3 al 12 agosto. Per la prima volta si sono tenuti in America del Nord.) Con pausa all’attività e le cure dovute, l’infortunio è riassorbito e Maria nuovamente riprende ad allenarsi con il suo tecnico Luciano Gigliotti per essere pronta in linea di partenza, con la canotta bianca verde del G.S. Forestale partecipa il 25 marzo alla “Maratona Città di Roma”. La partecipazione termine con un brillante primo posto conseguito con il tempo di 2h30’42”. Una vittoria importante che cancella ogni ombra caricandola di fiducia. Dichiara:"L'importante era vincere ho sofferto molto il tracciato ma ce l'ho fatta conducendo una gara tutta di testa. Per me era importante rientrare, visto che da un anno non correvo una 42 chilometri. Ora guardo con speranza ai mondiali di Edmonton". Partecipazione non capitata ma che nemmeno spense l’entusiasmo di mirare l’accredito per gli  Europei di Monaco.

Anno2002

Maria Guida sapeva che alla fine avrebbe battuto anche la sfortuna a 36 anni  conquista l’oro il sogno di una vita.  Con una gara d’attesa  mette in fila tutte le avversarie una tattica perfetta che la porta alla vittoria finale.

Di tutto ciò che si è ammirato durante i 42km e 195metri della maratona femminile ai Campionati Europei di Monaco, rimane saldo nella mente dei suoi fedeli ammiratori e gli appassionati dell’Atletica Leggera. La vittoria con l’oro al collo è il successo che racchiude una carriera iniziata all’età di tredici anni, le vittorie, i piazzamenti, i titoli e primati personali ottenuti gareggiando in tutto il mondo, compreso i tanti infortuni  accrediti a testimonianza del tanto lavoro per ottenere il meritato trionfo.    

Ecco l'ordine d'arrivo:                    

1. Maria Guida (Ita) 2 h 26:05.

2. Luminita Zaituc (All) 2 h 26:58.

3. Sonja Oberem (All) 2 h 28:45.

Campanilismo……. di Peppe Sacco

La vicana, Maria Guida ha conquistato l’oro dopo aver piegato le favorite che di comune accordo avevano impostato un ritmo per farla spossare, un ritmo che non inganna “la donna del Sud infatti la “signora della maratona” le lascia fare tenendosi a debita distanza mantenendo il suo passo per la proiezione finale fissatasi. Furba,  accortasi dei sintomi di stanchezza di chi la precedeva ha misurato le sue forze  per sferrare la volata (quasi a dire:chi mi vuole mi prenda), il suo attacco e stato accompagnato da migliaia di bandiere tricolori tirate fuori dai tanti italiani che vivono in Germania tra di quelli il fratello Giovanni, lo sventolio  l’accompagnano fino alla linea d’arrivo dove è posto il cronometro che si blocca (per ammirarla) a 2h26’05” un tempo finale che registra il record dei Campionati Europei. 

Ritagli e…

.Monaco, maratona d'o per l'azzurra Maria Guida

.Nella gara più lunga trionfa la piccola atleta di Vico Equense

.Capolavoro tattico: ha lasciato sfogare le altre, poi se n'è andata.

.La maratona femminile ha regalato all'Italia la prima medaglia d'oro della sua storia. Agli Europei di atletica di Monaco, Maria Guida ha conquistato il titolo europeo.

.L'atleta della Forestale ha tagliato il traguardo dopo 2 ore 26 minuti e 5 secondi, registrando anche il record dei campionati.

.Fra un autografo e l'altro, Maria è anche riuscita a girare uno spot per una campagna antifumo.

.Maria Guida vince uno storico oro nella maratona agli Europei

.Dietro di lei le due tedesche Luminista Zaituc (2:26:58) e Sonja Oberem (2:28:45). Quarta la estone Salumae a oltre sette minuti. Quinto posto per la giovane azzurra Rosaria Console.

.Il giro di pista dell'Olympiastadio che l'ha condotta al traguardo con quasi un minuto di vantaggio, è stato trionfale, con la bandiera italiana, regalatale da un tifoso lungo il percorso, legata in vita sin dal quarantesimo chilometro.

.Maria Guida: "Erano anni che sognavo l'urlo dello stadio, finalmente sono riuscita a sentirlo". Nonostante abbia pensato più volte di smettere, la mia determinazione è stata più forte di tutti gli acciacchi e le operazioni. Questo oro mi ripaga di tutto"  

Risultato di ricerca di: Giuseppe Sacco “Peppe”

 

Cronaca di una MARCIA INFERNALE

Tutto succede all’uscita del tunnel

ROMA 87 Campionati del Mondo, 10km. Marcia Femminile. Di quella gara scrive Manuela Audisio nel quotidiano La Republica il 2 settembre 1987. Occhi spalancati in cui parevano passare gli ultimi istanti di vita; braccia svitate, come quelle dei burattini, calzoncini diventati ormai sacchi zuppi; scarpe che andavano da sole. E barelle sul traguardo. Barella per Giuliana Salce, marciatrice azzurra, barella per l' altra azzurra, Maria Grazia Orsani, stesa, quasi morta sulla corsia, con occhi che non danno segnali di vita, una lingua che si muove quasi rantolando. Dopo le due azzurre altri arrivi pietosi atlete che traballano peggio che ubriaca. La cronaca continua a raccontare:Piange, piange, la spagnola Emilia Cano mentre tenta di marciare e mentre sta andando storta e vorrebbe raddrizzare quello che è ormai un dirottamento contro volontà. Uguale scena per l' australiana Lorraine Jachno e altre ancora. I soccorritori non sanno più a chi dare assistenza. Il pubblico presente e quello seduto d’avanti al televisore assistono a uno spettacolo triste, penoso, anche eroico. Le Atlete a terra fanno cenno di non voler essere aiutate facendo con la testa no, come se fossero capaci di rialzarsi. Scrive Antonio Sciotti autore di una meravigliosa “biografia” di Maria grazia Orsani dice:  In verità, tutta la gara di Roma si trasforma in tragedia, poiché lo sbalzo caldo-freddo tra la strada e il tunnel che porta allo stadio, porta allo stremo parecchie marciatrice che, come birilli, cadono ai piedi del traguardo, compresa la Orsani. I bollettini meteorologici diranno di un' umidità tremenda, del 90 per cento, di un caldo afoso e di errori dovuti all' inesperienza. C’è chi ricorda che la Orsani ad esempio ha saltato il turno di bevuta e spugnaggio, così si è disidratata. Certo è difficile spiegare ad una madre seduta davanti alla tv che non c' è da preoccuparsi per sua figlia, che tutto è "spaventoso" ma sotto controllo. La cronaca Manuela Audisio finisce scrivendo: la dieci chilometri di marcia è finita non come una gara, ma come una piccola guerra, con il conteggio dei feriti.

FILMATO DELLA TRAGICA GARA (foto Maria Grazia Orsani)

https://www.youtube.com/watch?v=QdOOEt8U5_M

 

============================================

Vincenzo Magliulo,

Oro e Titolo Europeo di Marcia

 

Spagna Alicante 18maggio18 : Marcia 10 km

L’atleta campano classe 1976 che veste i colori della “Caivano Runners” Vincenzo Magliulo con una brillante marcia ha piegato i diretti avversari bloccando il cronometro dopo quarantasei minuti di distinto ed energico gesto atletico. L’atleta napoletano allenato dall’ex marciatrice “Grazia Orsani” oltre all’Oro conquista il miglior tempo italiano di categoria Master 40 sulla distanza. Non sono tanti i marciatori che possono vantare una carriera di oltre venticinque anni e Vincenzo è tra questi, anzi egli continua con risultati ancora sorprendenti nella categoria Master. Nel suo palmares troviamo titoli mondiali, europei e italiani in varie distanze.

Pasta Run V ediz.

Riconfermato il successo delle passate edizioni

 

A Torre  Annunziata il team Oplonti Trecase Run di Roberto Cirillo e le autorità cittadine hanno organizzato la quinta edizione della gara podistica denominata “Pasta Run”. Tutto è iniziato dalla Villa Comunale posto che abbraccia tutta la riviera Oplontina. I dieci chilometri del tracciato ha visto una colorita partecipazione di atleti campani e oltre che hanno dato vita a un chiassoso e meraviglioso pomeriggio sul ridisegnato lungomare e le tante altre bellezze. L’atleta campano Gilio Iannone (foto) si segna con una vittoria solitaria e con il tempo finale di 31’25” il secondo posto del podio maschile è del Marocchino Youssef Aihc (32’14”) terzo all’arrivo per il napoletano Giuseppe Soprano (32’16”) La gara al femminile a vincerla è stato dall’atleta magrebina Malika Lafakir tesserata in Campania con la società “Caivano Runners” con il tempo finale di 36’25” hanno completato il podio Asmael Ghizlane e Hanane Janat. Alla società Podistica il Laghetto viene consegnato il “Trofeo Pasta Run” tutto si è svolto in una brillante cornice di pubblico.

  

           

===================================================

V “Fratta …na’ Corsa

Un successo lungo 10 Km

La Città e la Podistica Frattese davvero straordinaria

 

Record di partecipazione infranto e trionfo per l’atleta campano Marco Piccolo 2International Security Service2 alla quinta edizione della «Dieci Chilometri Fratta… na Corsa». L’atleta campano ha tagliato il traguardo a braccia alzate con il tempo finale di 33’03, una vittoria condita dal scrosciante applauso del numeroso pubblico presente presente in tutto il percorso di gara. Non meno bravi la rosa d’inseguitori che hanno creato a una vera battaglia di sport fatta con ripetuti scambi di posizione. Alessandro Lombardi e l’inossidabile Enrico Signorelli hanno guadagnato alla fine il piazzamento per il secondo e terzo posto. La gara femminile vittoria per Jessica DE Fazio “ Amatori Frattese” con il tempo finale di 37’50” in 56° posizione assoluta. Il podio femminile a completarlo Loredana Lamberti e Mena Febbraio. Il dominio della manifestazione ancora una volta è stato dal numeroso pubblico di partecipanti e del programma steso dalla “Podistica Frattese” con la sana regola del podismo insieme “Vinca il Migliore”. A dare voce alla kermesse con egida CONI Opes Italia Carlo Cantale, Gennaro Varrella e Anna Nargiso. Segreteria ordine di arrivo e tempi di Garepodistiche di Pasquale Pizzano.      

 

               

=========================================================

       

"Corsa della Sirena Leucosya"

Vittoria per Antonello Landi per le donne eccelle Rosmary Antico. 240 atleti in gara.

 

A Castellabate nelle frazioni di Ogliastro Marina e Licosa sabato 19 maggio con partenza dal lungomare delle Tartarughe si è disputata la "Corsa della Sirena Leucosya" gara podistica di dieci chilometri organizzata da “La Marcialonga di Castellabate” di Nicola Paolillo, terzo appuntamento del “Circuito del Cilento”.

Conquista la distanza dei dieci chilometri e la sesta edizione Antonello Landi atleta dell’Atletica Potenza Picena con il tempo finale di 33’18’’. In seconda posizione Giorgio Mario Nigro “Atl. Camaldolese in 34’03’’. Completa il podio Massimiliano Fiorillo 2Podistica Cava Picentini Costa Amalfi” in 34’29’’. La vittoria femminile l’ordine di arrivo segna l’atleta con i colori dell’Atletica Sporting Calore Rosmary Antico. Il podio rosa si completa con Alessandra Ambrosio “Amatori Atletica Napoli” tempo 42’49’’ e Daniela Capo “Agropoli Running 44’14’. Il podio per squadre è stato conquistato dalla società Cilento Run secondo gradino per l’Ideatletica Aurora terzo dalla Castellabate Runners. Prima del via non sono mancate interessanti iniziative. Ha dato voce alla kermesse Gennaro Varrella l’Ordine di arrivo e tempi a cura di Bitebyte Timing di Francesco Danise. (Foto di repertorio)

 

===================================================

 

“Nove Colli Running”

Per il campano Vincenzo Santillo un meritato successo

Più che una corsa, un sogno da realizzare.

 

Cesenatico 19/20 maggio

Classe 1980 Vincenzo Santillo atleta campano che veste i colori della “Tifata Runners” ha partecipato o alla “Nove Colli Running” chi l’affronta è una vera sfida con se stessi con mesi e mesi di preparazione per provare  superare la linea del traguardo ed essere un ultramaratoneta in un percorso più duro al mondo 202,4 km di sofferenza e soddisfazione su e giù per i colli romagnoli. La gara podistica “Nove Colli Running“, è arrivata quest’anno alla sua 21° edizione. Come molti già sapranno, ripercorre lo stesso tragitto della granfondo di cicloturismo, un percorso a ridosso della costa e delle dolci colline dell’entroterra che prevede il superamento, appunto, di nove colli.<< Eravamo 169 e ne siamo arrivati meno della metà, per quanto riguarda me è andata benissimo, non immaginavo di riuscirci e poi con  4 ore e 12  minuti di anticipo dalla mia tabella di corsa,  il tempo finale è stato 25 ore e 48 minuti, ho vissuto sensazioni bellissime, piangevo,  sorridevo , ridevo da solo e pensavo sempre alle persone che mi hanno pensato e mi sono state vicine. Passando la linea di arrivo ho capito che il sogno  si è tramutato in realtà e ogni cosa diventa fantastico,  il sole, il buio, il tramonto, l'alba,  che dire, posso dire che  è stato l’esperienza più belli della mia vita di atleta del podismo.>>La gara faceva parte nel 16° Grand Prix IUTA 2018 di Ultramaratona, valida come Campionato Italiano IUTA 2018 di Gran Fondo su Strada hanno preso parte atleti di varie regioni d’Italia e diverse nazionalità.

================================================

Notturna Sianese XVI edizione

Vittoria per D’Arco e Lamberti

Siano il salotto buono del podismo

L'immagine può contenere: 5 persone, persone che sorridono, persone in piedi, scarpe e spazio all'apertoL'immagine può contenere: 3 persone, persone in piedi e spazio all'aperto

Siano SA 26 maggio 2018

A Siano in provincia di Salerno, si è disputata la 16^ edizione della Notturna Sianese gara podistica sulla distanza di km 10, organizzata dalla Atletica Ermes Antoniana, con il patrocino del Comune di Siano e le collaborazioni delle associazioni del territorio e dell'Ente di Promozione, Opes Italia La gara era valida anche come 2 prova del Trofeo del Tramonto. La gara va in archivio, riportando un buon successo di organizzazione e di gradimento, con i suoi 453 arrivi, di cui 75 sono donne. Prisco D’Arco dell’Isaura Valle dell’Irno è il vincitore di questa edizione, il suo tempo finale è di 33'55'', davanti a Pasquale Iapicco “Caivano Runners” e vicenzo Migliaccio “Atletica Caivano” con i seguenti tempi finali di 34'26'' e 34'29''. Per la corsa in rosa, vince Loredana Lamberti “Antoniana Ermes” che termina la sua gara con 40’48” 39 . Per la seconda e terza posizione il podio femminile, vede Annamaria Vanacore 41’08” “Atletica Scafati” Rosanna Pacella 43’54” “Isaura Valle Dell’Irno. Per la classifica riservata ai team, si registra la vittoria dell'Atletica Isaura Valle dell'Irno . Classifiche e tempi a cura di Pasquale Pizzano e speaker dell'evento Marco Cascone.

 

        

===================================================

Maratonina CesaRinasce

Sugli scudi: La vittoria di tutti e anche dell’organizzazione

Cesa Ce 27maggio18

Ok che dire un errore a discapito degli atleti che facevano da battistrada fino al nono chilometro. Un errore che non può “a mio avviso” annebbiare la mattinata di podismo offerta dall’Associazione culturale “CesaRinasce” Certe cose succedono anche in eventi definiti internazionali con colonne di giudici sul percorso e sempre accade senza avere una spiegazione. Non posso sottrarmi di raccontare le cose che ho visto in particolare la “ La gioia di Tutti” e il “ lavoro programmato di un’organizzazione che ha saputo lavorare e dare la massima ospitalità pur masticando alla fine il boccone amaro. Ospitalità che in più delle volte manca in eventi a certificazione blasonata. La mia cronaca continua (per quello che può valere”) di continuare a dire bravi per non aver fatto un ordine di arrivo accomodante mettendo al primo posto chi non ha raggiunto il risultato. Finisco con i miei vivissimi complimenti all’organizzazione e alla città di Cesa.   

     

 

Corsalonga Sangiovannese 36° edizione

Vittoria per Gilio Iannone.

Tra le donne primeggia Rosmary Antico

 

San Giovanni a Piro - Golfo di Policastro SA 26maggio18

Cilento di Corsa quarta tappa con la Corsalonga Sangiovannese, gara podistica nata nel 1982 è tra le gare podistiche più longeve in Campania di nuovo ha offerto il magico spettacolo di sempre ricordando i rinnovati record del percorso e gli importanti atleti che vi hanno preso parte. Leggere la storia di questo evento può essere equiparata ad una sceneggiatura di successo. Il via, come di consueto, alle ore 17:00 da via Teodoro Gaza. Nove durissimi chilometri non hanno dato un attimo di respiro, ad iniziare dalla salita di Pietra Pacifica nel centro storico un leggero falsopiano  e poi la strada nuovamente s’impennata (con pendenze fino al 14%). con il muro della Petrosa. Quindi la discesa di Ciolandrea, terrazza naturale sul Golfo di Policastro, e poi di nuovo salita con Pineta e Pacuma (punto più alto della corsa a quota 603 metri) per poi riscendere con passaggio dinnanzi al Santuario della Madonna di Pietrasanta ed ancora sotto gli archi di Pietra Pacifica via che portato il vincitore Gilio Iannone al traguardo dopo 31’19” di corsa. Secondo posto per  il vincitore dell’edizione 2017 il marocchino Youssef Aich “Podistica Il Laghetto” con un distacco di 6”, Terzo l’altro maghrebino in gara  Hajjaj El Jebli  “International Security Service” a 17”. Tra le donne primeggia Rosmary Antico, al suo terzo successo stagionale nel circuito, il secondo consecutivo dopo la Corsa della Sirena Leucosya. La runner dell’Atletica Sporting Calore, che consolida il primato nella graduatoria femminile di “Cilento di Corsa” aumentando il proprio vantaggio su Daniela Capo e Tullia Galiano, chiude la Corsalonga n.36 in 41’33” davanti alla trionfatrice dello scorso anno Filomena Palomba (43’14”) ed alla calabrese Valentina Maiolino (43’19”).

 

============================================

 

100 Km. del Passatore 2018

Bravi i Campani

Tutti bravi con il meritato applauso di tutti gli sportivi all’indirizzo dei 2000 e oltre partecipanti che hanno preso il via alla 46° edizione della Firenze Faenza denominata “100 km del Passatore” il 26/27 maggio. Poco importa se qualcuno si è ritirato dalla competizione, resta ugualmente bravo con l’augurio di fare meglio alla prossima edizione. La carovana di podisti tesserati in Campania a ben figurato facendosi onore sulla distanza in un percorso non del tutto facile “Bravi a Tutti. Le cronache riportano la vittoria in assoluto dell’atleta Andrea Zampelli (foto) Il reggiano ha tagliato il traguardo a Faenza in 6h54’34’’. Primo della larga rosa di atleti tesserati per società in Campania, spunta il nome di Remo Morelli in 52° posizione su 2466 arrivati, il tempo finale dell’atleta che corre con i colori della Tifata Runners Caserta è stato di 9h29’51”.

 

Il Passatore per Vincenzo e Angela

100 Km di Complicità e Sintonia

 

Una piacevole occasione per stare insieme anche con lo sport, prima però c’è stato il bisogno di concordare il ritmo di gara più adatto, in base alle capacità di entrambi, pianificare tappe e soste, tenendo anche in considerazione la capacità di entrambi. Vincenzo Saviano e Angela Caravaglio “innamorati pazzi” hanno condiviso emozioni e fatica tra l’Appennino tosco romagnolo cento chilometri di corsa sempre insieme mano nella mano da Firenze a Faenza una sfida durata per 13 ore e 14 minuti terminata con un lungo bacio. I due protagonisti corrono da appena tre anni e vestendo la maglia della Caivano Runners team del presidente Luigi Celiento, la pazza idea di correre la 100 km del passatore nasce non a caso ma per aver ascoltato storie interessanti quasi nell’immaginario di tanti appassionati amatori protagonisti. La coppia felice del risultato non si dimentica chi li ha supportati in questa fantastica avventura condividendo con loro la propria felicità.       

 

 

 

 

 

 

   

  (Peppe) Giuseppe Sacco

 

 

download (1)

___________________________________________________________________________________________

Podismoincampania.it non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Giuseppe Sacco autore del portale non e' responsabile dei siti collegati tramite links ne' del loro contenuto, anche fotografico, che può essere anche soggetto a variazioni nel tempo da parte dell'editore originario. Testi, immagini e filmati a corredo dei post sono pubblicati con finalità esclusivamente informative. Podismoincampania.it non vuole in alcun modo ledere il copyright né qualsiasi altro diritto, pertanto, qualora i titolari di tali diritti fossero contrari alla pubblicazione dei suddetti contenuti testuali e fotografici, chiede di segnalarlo ai fini d’una rapida rimozione degli stessi. Inoltre rende noto che non prende compensi per ogni forma di promozione.

Email di corrispondenza: info@podismoincampania.it